Brindisi: una scuola in lutto

Versione stampabileVersione stampabile
scuola Francesca Laura Morvillo Falcone

 Tre ordigni sono esplosi davanti all’istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi. Al momento ci sarebbero una studentessa di 16 anni morte e 7 feriti, di cui una in condizioni gravi. Il MSAC esprime la sua vicinanza alle famiglie e alla città.

 “E’ proprio quando siamo più fragili che in noi si fanno strada il terrore e la paura. Non lasciamo che la criminalità organizzata con gesti violenti e attentati terroristici crei e si insinui nelle crepe delle nostre vite. Serve più educazione alla giustizia e alla legalità ed è alla scuola, oggi in lutto, che dobbiamo chiedere questo: che ci aiuti a costruire la Speranza.”

«Paese feroce, ancora sangue di ragazzi, tra scuole e tribunali. La firma c’è. Chi odia la nostra convivenza e il nostro futuro». È questo il commento che ci sentiamo di condividere, tweettato da Marino Sinibaldi, alla notizia, terribile, che questa mattina alle 7.50 tre ordigni sono esplosi davanti all’istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi. Al momento ci sarebbero una studentessa di 16 anni morta e 7 feriti, di cui una in condizioni gravi. Proprio oggi davanti alla scuola sarebbe dovuta passare la Carovana antimafia partita qualche settimana fa da Roma. 

Si colpiscono le scuole perché si vuole colpire il futuro di questo paese. Proprio nel momento in cui da più parti si sottolinea la necessità di un ricambio generazionale a livello politico, di una nuova classe politica di giovani disposta ad impegnarsi per il bene comune del paese, gli autori dell’attentato colpiscono simbolicamente una scuola dedicata alla moglie del giudice Falcone che per lo Stato ha dato la vita. Un attacco a tutti quei giovani che stanno lottando per la legalità e che nella scuola trovano un luogo di formazione ad una cittadinanza attiva. Ma tutto questo la mafia (l’attentato al momento pare di stampo mafioso) lo teme più di qualsiasi altra cosa perché andrebbe a minare le proprie radici. 

Il Movimento Studenti di Azione Cattolica partecipa al dolore delle famiglie di Melissa, di tutti i ragazzi e le famiglie coinvolte, della scuola e della città.

 

Nota dell'AC sull'attentato a Brindisi