Proposta Formativa 2008-2009

Versione stampabileVersione stampabile

PROPOSTA FORMATIVA 2008-2009

In una mano il giornale, nell’altra il Vangelo

Nell'anno paolino dedicato alla santità, non possiamo non chiederci cos'è che spinge, quale sia il motore di chi conforma la propria vita a Cristo. I santi sono certamente uomini appassionati. Anzi, passionali. Di Paolo si dice che fosse preso da fervore, sia nel perseguitare i cristiani (Atti 8) che poi nell'annunciare il Vangelo (Atti 17). E' questo fremito, presente nell'animo di ogni uomo, che va incanalato, educato, guidato. Il Signore non ci chiede di cambiare, reprimere la nostra natura, ma di ben guidarla, di orientarla al bene. Paolo ha orientato la sua energia, il suo fervore, in un determinato progetto di vita: seguire il Signore, annunciare il suo Vangelo, dare la propria vita per Cristo. 
Anche della Vergine Maria (Lc 1, 39) è detto che si recò da Elisabetta "con sollecitudine". Con fretta, con passione.
Proprio a questa trepidazione si contrappone invece un senso di tiepidezza, di accomodamento dell’anima che non prende una posizione forte ma si accontenta di stare a guardare e di adeguarsi a quello che c’è. È quello che si dice in Apocalisse 3, 15-16“Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo! Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca”.

Partecipare significa "prendere parte". Prendere posizione, insomma! Magari fossimo freddi o caldi! Durante quest’anno msacchino vorremmo partire proprio dal coltivare questo fremito per imparare a "prendere parte" a ciò che accade intorno a noi, a non osservare tutto come "spugne" che assorbono tutto indifferentemente, ma con la criticità del "setaccio" che sa far discernimento. Guardare tutto con occhi critici, mente aperta, capaci di chiederci sempre il perché delle cose e di metterci in movimento con  idee, pensieri, creatività.

Karl Barth, teologo protestante, amava dire che se San Paolo vivesse ai giorni nostri, se ne andrebbe a spasso con "in una mano la Bibbia e nell’altra il giornale”. Noi cristiani non possiamo non leggere il giornale, ovvero ciò che accade nel mondo ed intorno a noi, senza lasciare che la realtà con cui interagiamo venga illuminata dalla Sapienza divina, alla luce della Parola di Dio, fonte di verità e di speranza, senza che il nostro cuore venga scaldato dalla “buona notizia” annunciata da Gesù Cristo. Ma è vero anche il contrario: se la Parola di Dio non viene messa a frutto concretamente nella nostra vita e nel nostro quotidiano a poco serve una Bibbia chiusa nella nostra mano.
Soprattutto in questo tempo in cui l’informazione, i saperi, la cultura sono così tanto sbilanciati verso una o un’altra ideologia, c'è bisogno di uno slancio di pensiero e di uno sforzo da parte dei msacchini per leggere l’oggi con intelligenza ed autentico discernimento evangelico.

Anche quest’anno il cammino sarà suddiviso in quattro faldoni. Il primo, l’Ocktober Fest, è disponibile già dal campo nazionale, mentre gli tutti gli altri saranno pronti per l’inizio dell’anno, a ottobre.
La proposta formativa 2008/2009 si arricchisce poi con i CIPS (Campi Interregionali Per Studenti). Quattro giorni aperti a tutti gli studenti (msacchini e non) in cui parlare di scuola, ma non solo! I CIPS saranno 3: uno al Nord, uno al Centro e uno al Sud nel periodo che va da Dicembre all’inizio di Gennaio.

 
Buon Anno in Movimento!!!!!

 

 

 

Proposta Formativa 2008/2009

 

P&D1: OktoberFest: Chissene Informa?

Cips: Campi Interregionali Per Studenti 2009

P&D2: Dare sapore alla cultura

P&D3: Poteri forti: Mafia, lobbies...

Mo.Ca: La scuola in testa!

P&D4: EuropeanDay: Scommettere su innovazione e creatività

 

Iscriviti alla Newsletter del Movimento Studenti

Trova il tutor!

Visita il nostro canale su YouTube

Mostra su don Lorenzo Milani
Mostra su Vittorio Bachelet