“Condivido”, la comunicazione non ostile parte dalla scuola