Let's move

Versione stampabileVersione stampabile

 

“Lì dove un solo studente crede nella scuola, studia con determinazione, fa una proposta per migliorare la vita della classe o dell’istituto e prova a coinvolgere i compagni: proprio lì il Msac sta già nascendo!”

[Da La proposta di Un Msacco bello]

Carissimi responsabili, Presidenti diocesani, Vicepresidenti giovani, assistenti o educatori…se siete qui è perché qualcuno vi ha parlato del Msac e questa proposta vi ha stuzzicato, incuriosito e entusiasmato. Sentir parlare di giovanissimi che scelgono di essere responsabili e corresponsabili della scuola e dell’associazione è una cosa che fa sognare chiunque, soprattutto in un clima diffuso di disimpegno.

Ci presentiamo: siamo Claudia, Davide, Erika e Sara, della Commissione Promozione del Msac, pronti ad accompagnarti nel far partire il Movimento nella tua diocesi, nel progettare insieme dei momenti in stile msacchino o anche semplicemente a raccontarti e farti conoscere un po' più il Msac.

Il Msac è l’attenzione dell’AC per gli studenti e per il mondo della scuola: è l’occasione concreta di missionarietà che l’Ac offre a tutti i giovanissimi per declinare, a loro misura, la Passione per la ferialità e il Bene comune che tanto caratterizza l’associazione. Anche se in questo momento è in voi “più grandi” che è scattata una scintilla, ricordiamoci che al centro dell’esperienza del Msac ci sono proprio gli studenti, i giovanissimi, con la loro voglia di fare e di prendersi a cuore quei banchi di scuola e quei compagni che hanno accanto. Crediamo nel protagonismo degli studenti e nella loro voglia di vivere in pienezza la scuola. Scommettiamo sugli studenti, sul valore del confronto, del lavoro condiviso e sulla loro partecipazione responsabile!

Vi state domandando come fare?

Tre i consigli fondamentali:

  1. Il Msac è un dono fondamentale che l’Azione Cattolica, tramite il Settore giovani, fa ai giovanissimi. Come tutti i regali però, il Msac ha bisogno di essere donato, prima che i giovanissimi possano iniziare a prendersene cura. Allora, il primo passo fondamentale è quello di avviare in Consiglio diocesano un discernimento per individuare un INCARICATO ALLA FORMAZIONE, ovvero un giovane (da cooptare in consiglio se non ne fa già parte) che si occupi di accompagnare il Movimento fino alla nascita del Circolo.
  2. Sarà poi necessario procurarsi il sussidio “un MSACCO BELLO” (ed. ave), parte della collana degli strumenti dell’AC, dove sono spiegati la proposta del Msac, i progetti, e come fare, passo dopo passo, per costruire un Circolo diocesano. Inoltre all’interno vi potete trovare il Documento normativo del Msac e tanti altri consigli utili.
  3. Allo stesso tempo è fondamentale mettersi in contatto con l’INCARICATO REGIONALE del Msac (la lista degli incaricati la trovate qui), ovvero un membro dell’Équipe nazionale che vive nella vostra regione e può partecipare ai primi incontri, seguendovi da vicino. 

Dopo questi passaggi importantissimi, l’obiettivo sarà quello di individuare alcuni giovanissimi capaci di sognare in grande e con tanta passione, seguirli tramite l’INCARICATO ALLA FORMAZIONE e cominciare poco a poco a entrare nelle scuole con dei Punti di Incontro. Ci vorrà un po’ di tempo e bisognerà scommettere sui ragazzi, però sarà la strada che vi porterà a celebrare il congresso diocesano con l’elezione dei Segretari del Movimento.

Questo lungi dall’essere un traguardo, non sarà che l’inizio di una bella storia che porterà sempre più studenti e giovanissimi a conoscere e a innamorarsi della nostra associazione.

E allora che aspettate? Se volete vivere anche voi in diocesi la grande sfida msacchina, in una mano UN MSACCO BELLO e con l’altra pronti a contattare il vostro INCARICATO REGIONALE MSAC.

Noi come Commissione promozione rimaniamo sempre a disposizione per aiutarvi e per suggerirvi gli strumenti più utili in base alla vostra situazione in diocesi.

In questa pagina, troverete tutti i contatti utili.

In bocca all’asinello! Let’s keep in touch

Riferimenti utili: sentieri di speranza.