“POLITICA-MENTE!” Studenti si nasce, cittadini si diventa!

Versione stampabileVersione stampabile
ragazzi parlano di politica

Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo!” (Mahatma Gandhi).

Questo la frase che si poteva leggere sui manifesti del progetto “Politica-mente!”, nel mese di Marzo, passeggiando per le scuole di Rimini; progetto ideato e promosso dal MSAC di Rimini (Movimento Studenti di Azione Cattolica). Una delle tanti frasi che hanno ispirato e accompagnato questo ciclo di incontri che ha coinvolto un centinaio di studenti provenienti dalle scuole che hanno aderito al progetto: Liceo Scientifico-Artistico “A. Serpieri” , Liceo Classico, Liceo Linguistico, Liceo delle scienze umane, Liceo delle scienze della formazione “G. Cesare – M. Valgimigli” Istituto Tecnico “R. Valturio” Istituto Tecnico “O. Belluzzi” Istituto Tecnico “L. Da Vinci”, Liceo Scientifico “A. Einstein”.
Ed è stato proprio quest’ultimo ad ospitare il primo dei tre incontri di “Politica-mente!”. Così il 14 Marzo nell’aula magna del Liceo Einstein, gli studenti hanno avuto la possibilità di confrontarsi e dialogare sul tema della politica, in particolare sui valori che hanno ispirato la “buona politica” e che oggi sembrano essersi dissolti in un mondo fatto di spettacolo, scandali e corruzione. Ad arricchire il dibattito l’intervento di Alfio Neri, docente di storia e filosofia del Liceo Serpieri, sul ruolo dei movimenti nel determinare la politica di un Paese. Poi un interessante dialogo con i due esponenti dei gruppi giovanili del Partito Democratico e del Popolo della Libertà, rispettivamente Federico Berlini(Giovani Democratici) e Alessandro Pracucci (Giovane Italia).
Ottima la preparazione. Il lavoro di gruppo e il mettere insieme le idee hanno prodotto un percorso interessante e molto ricco. All’assemblea al liceo scientifico Einstein hanno partecipato diversi studenti ed è stata ben gestita. Chi ha partecipato, secondo me, si è portato a casa dei buoni contenuti e il ricordo di un momento piacevole e mai noioso.
Utile, in quanto molti giovani oggi non si rendono conto di quanto la politica c’entri e influisca quotidianamente nella loro vita. È stato una sorta di “rito di iniziazione” per chi non aveva mai avuto a che fare con la politica.
Politica-mente!” è stata un’interessante esperienza poiché ha permesso a noi studenti di confrontarci con una realtà che appartiene spesso solo superficialmente alla nostra. Interessante è stato anche approfondire l’origine, il viaggio della politica a partire dalle polis greche, la culla dei sogni e desideri dell’umanità fin dall’antichità, attraverso un percorso che ci ha portati a riscoprire i veri valori della buona politica.
Questi alcuni pareri dei partecipanti. Ma ci sono anche voci fuori dal coro:
Quest’incontro non mi è piaciuto particolarmente perché la politica, sebbene molto importante, è un argomento noioso.
Ed era proprio questo il senso di “Politica-mente!”: in un periodo in cui gli studenti e giovani si allontanano dal mondo della politica, rilanciare il valore della politica con la P maiuscola, la politica che è mettersi seriamente al servizio del bene comune!
Fare capire ai nostri coetanei studenti che noi siamo veramente il futuro! Siamo noi i lavoratori, i genitori, gli imprenditori, la classe dirigente di domani! Non possiamo quindi rimanere indifferenti, e dobbiamo essere noi i fautori del futuro che tanto auspichiamo. Ritornando alla frase di Gandhi, non ci possiamo limitare alla critica, che non sortisce nessun effetto se non si trasforma in AZIONE!

Con questa attenzione siamo approdati al secondo capitolo del progetto in cui gli studenti, divisi nei tre poli scolastici Einstein, Serpieri, Classico, hanno elaborato proposte di politica giovanile concrete per la città. Gli incontri si sono svolti con la collaborazione dell’Assessore Provinciale Juri Magrini e il Consigliere Comunale Samuele Zerbini, che hanno fornito agli studenti gli strumenti necessari al loro lavoro di “giovani politici”, illustrando il funzionamento dell’apparato politico riminese, e i vari elementi da tenere in considerazione nell’elaborare una proposta politica: primo fra tutti, il bilancio comunale. Tra il dire e il fare c’è in mezzo il….PROGETTARE! E noi studenti ci siamo impegnati seriamente con tutta l’energia, la freschezza, lo slancio creativo che ci contraddistinguono.

Il terzo ed ultimo incontro del progetto si è svolto nella Sala del Consiglio Comunale di Rimini. Gli studenti si sono immedesimati nel ruolo dei Consiglieri Comunali, sedendo al loro posto, e dialogando con le istituzioni politiche presenti, sull’attuabilità delle proposte elaborate nei poli scolastici. Ad aprire l’incontro l’intervento del Sindaco di Rimini Andrea Gnassi, che ha esaltato il ruolo dei giovani e delle loro idee nel determinare la politica di un territorio, seguito da un breve saluto del Presidente di Azione Cattolica Mirna Ambrogiani. Poi si sono susseguiti gli interventi dei ragazzi, mediati magistralmente dal Presidente del Consiglio Comunale Donatella Turci, che si è rivelata molto disponibile al dialogo con gli studenti sostenendo il progetto anche nella sua fase progettuale. Fra i politici presenti il Consigliere Samuele Zerbini, e il vice sindaco Gloria Lisi.

Due le proposte principali uscite dal Consiglio Comunale. La prima riguarda l’istituzione di un giornalino, patrocinato dal comune, che dia voce a tutti i giovani studenti del comune di Rimini. Un luogo dove scambiare idee, dove fare informazione seria, dove parlare delle tematiche sociali e di attualità, dal punto di vista di noi giovani.
La seconda riguarda un progetto di formazione alla politica, alla cittadinanza e costituzione, rivolto a tutti gli istituti del comune.

 Finita l’esperienza di “Politica-mente!” gli studenti hanno fondato un nuovo gruppo, col compito specifico di concretizzare e portare avanti le proposte da loro elaborate e discusse in sede di consiglio.

Parlando da segretario del MSAC di Rimini, è stato un momento di dialogo e confronto degli studenti col mondo politico riminese senza precedenti. Un’esperienza assolutamente interessante e stimolante, che ha davvero “lasciato il segno”. Sono molto contento che sia stato proprio il MSAC a promuovere questa collaborazione politici-studenti, che sicuramente non finirà con questo progetto.

Michele Giovanardi

Alcune impressioni dei ragazzi che hanno partecipato:

Politicamente è stata una bella esperienza perché mi ha dato la possibilità di mettermi in gioco prima persona, toccando con mano il mondo della politica. Siamo diventati come dei veri ‘politici’ elaborando le nostre proposte per la città e ora cercheremo di applicarle concretamente
(Chiara – Serpieri)

È stata una bella esperienza, in cui siamo riusciti a capire qualcosa in più. Per la maggior parte di noi la politica era un qualcosa di “ignoto”; grazie a questo progetto conclusosi con l’incontro in consiglio comunale, ci siamo avvicinati veramente al mondo politico.
(Lorenzo – Serpieri)

Proposta formativa qualitativa, uno spunto per conoscere altri aspetti della politica. Molto importante è stato il consiglio comunale. È stato anche un’occasione per coinvolgere nella nostra proposta di partecipazione attiva altri studenti.
(Chiara – Pedagogico)

Il progetto è stato positivo perché ha portato i giovani studenti a dialogare direttamente con la politica, con le istituzioni locali, mostrando il lato buono della politica (ultimamente nascosto).
(Filippo – Einstein)